Il design è visivo.

In tutta la sua semplicità, dalla carta stampata al web, questa regola resta sempre valida.

Noi di Brix Smart Research vi invitiamo ad aprire la mente, gli occhi e a staccarvi da schermi e scrivanie per fare un tuffo tra pagine e inchiostri: il nostro desiderio è quello di farvi conoscere tanta, tanta Fruit. Per coloro che ancora non avessero capito il soggetto del discorso, FRUIT EXHIBITION è un contenitore culturale che si occupa di progettazione creativa. L’edizione 2019 è dedicata allo humor e per citare le parole degli stessi organizzatori – in Italia per occuparsi di cultura (e di editoria!) è sempre necessario un po’ di buon-umore, perché c’è bisogno di leggerezza, di colori shock e di ironia.

Tutti questi termini non potevano non accendere interesse in me - creativa “dall’hair color shock” - e nell’intera redazione Brix.

Studiando il programma dell’evento, dal primo appuntamento siamo stati colpiti dalla scelta dei contenuti legati al settore della progettazione e della ricerca.

FRUIT EXHIBITION, fiera di arte indipendente ed editoria, ha deciso di aprire il suo evento con la seguente tematica Big Data e Design: come l’infografica ha cambiato i giornali. A febbraio, dal venerdì 1 a domenica 3, sarà possibile prendere parte alla fiera indipendente presso Palazzo Isolani e conoscere come i dati ricerca sono cambiati e come si è evoluta la loro rappresentazione.

 

 

Come è possibile tradurre BIG DATA?

Come è possibile, oggi, dare informazioni complesse senza ricorrere alla tecnica di rappresentazione infografica?

Oggi questi termini sono diventati di uso comune, oltre che consuetudine, arrivando ad essere utilizzati da studi creativi, agenzie pubblicitarie, enti di credito e testate giornalistiche. Saranno gli stessi editori e giornalisti a presenziare alla serata di apertura dell’evento, illustrando quanto la ricerca sia diventata smart dal punto di vista formale e di processo. In linea con la nostra attività, volta alla diffusione di servizi ricerca modulari ed economici, siamo stati felicemente colpiti dal taglio culturale che ha deciso di adottare uno dei più noti festival legati alla progettazione editoriale presente nella città di Bologna, arrivando a condividere la proposta culturale con il nostro pubblico.

Quattro anni fa, l’infografica era vista come la scoperta che avrebbe avuto spazio solo nel web, grazie alla possibilità di “uscite giornalistiche” in tempi ridotti; oggi le più grandi testate giornalistiche di carta stampata – oltre alla loro rispettiva versione digitale – condividono le comunicazioni e dati ricerca mediante questa tecnica.

La previsione futura stima un dialogo e uno scambio sempre più forte tra carta, digital e dati, arrivando alla nascita di professioni nuove come il facilitatore – o facilitation designer. I BIG DATA diventano comprensibili, internazionali e alla portata di tutti.

Esattamente come i Brix di Brix Smart Research.

Per informazioni sui nostri Brix e per segnalazioni sul mondo della ricerca, è sufficiente inviare una e-mail a info@brix-research.com; uno staff di ricercatori ti guiderà nella risoluzione dei tuoi dubbi o curiosità.

 

Articolo a cura di Fabiana Ielacqua – redazione Brix Smart Research