Il 2018 sta per terminare e con lui arriva il tempo dei bilanci.

L’ultimo articolo Brix raccontava di Hub e ricerca innovativa nella regione Emilia-Romagna e ripartendo da questo argomento, continuiamo a raccontarvi come nella medesima regione le attività di ricerca continuano a prosperare.

Ricerca indipendente è un’attività che molte realtà scientifiche svolgono da tempo e tra i nomi meritevoli, abbiamo deciso di scrivere della realtà “Istituto Ramazziniin modalità del tutto volontaria e gratuita.

Essendo la realtà Brix Smart Research una unit di business specializzata in ricerche di mercato, abbiamo ritenuto importante concludere l’anno con un articolo legato alla ricerca in campo medicale.

Il termine indipendente, affiancato alla ricerca, indica che attraverso risorse non statali, vengono portate avanti differenti attività di studio. Istituto Ramazzini è una Cooperativa Sociale Onlus nata dalla visione di Cesare Maltoni.

Maltoni avviò un progetto sperimentale sulla cancerogenicità arrivando a scoprire sostanze cancerogene presenti nell’ambiente e negli ambienti industriali. Nel 1982 Irving J. Selikoff, Cesare Maltoni, Sheldon Samuels, Myron Mehlman ed altri eminenti scienziati costituiscono il Collegium Ramazzini, un’accademia internazionale di 180 esperti sui rapporti tra sviluppo, ambiente e salute.
Il Segretariato Generale ha sede da circa trent’anni nel Castello di Bentivoglio, distante circa una ventina di minuti di macchina dalla città di Bologna.
Il quartier generale del Collegium è a Carpi, città natale di Bernardino Ramazzini, medico che nel 1701 affermò “Longe praestantius est praeservare quam curare”, dove ogni anno si svolgono le Giornate Ramazziniane, momento nel quale viene conferito il Premio Ramazzini agli scienziati che maggiormente contribuiscono al progresso della Medicina del Lavoro e Ambientale, secondo le linee indicate dal Maestro carpigiano.

A seguito dei diversi successi raggiunti in oltre 30 anni di attività, l’Istituto Ramazzini guarda al futuro occupandosi delle ricerche e dei prodotti dietetici, spesso ricchi di agenti chimici e fisici strettamente correlati alle patologie del Parkinson e dell’Alzheimer, oltre ai rischi derivati dalle nanotecnologie. Per rafforzare la stretta relazione tra il buon cibo e uno stile di vita sano, Istituto Ramazzini realizza in vista del Natale, una strenna che contribuirà a sostenere la ricerca indipendente offrendo un vero e proprio paniere bio realizzato in collaborazione con NaturaSì.

Il prodotto strenna, oltre a sostenere la ricerca, offre la possibilità di fare prevenzione mediante buoni sconto sulle visite specialistiche e diagnostiche.

Le strenne sono disponibili presso il Poliambulatorio di prevenzione oncologica di Bologna (via Libia 13/a) e il Centro clinico di prevenzione oncologica di Ozzano dell’Emilia (via Emilia 79).

Brix Smart Research continua l’attività di diffusione delle notizie in ambito ricerca e per fare questa operazione al meglio, ha bisogno del tuo aiuto. Se sei a conoscenza di collaborazioni virtuose tra realtà differenti nate dallo spirito di ricerca e innovazione, scrivi alla nostra e-mail info@brix-research.com; saremo felici di prendere in considerazione i tuoi suggerimenti e di condividerli con la nostra community.

Le informazioni e le buone azioni sono la ricchezza del terzo millennio. Buon Natale, buone ricerche e buona innovazione da tutto lo staff

Brix Smart Research.                                                                                    

 

 

Articolo a cura di Fabiana Ielacqua – redazione Brix Smart Research